Scena di mercato contadino

Scheda articolo: 101448

Autore: Pietro Domenico Ollivero (Torino 1679 – 1710)

Epoca: Settecento

VENDUTO


PIETRO DOMENICO OLLIVERO (Torino, 1679-175)

Scena di mercato contadino, 1700-1710 circa

Olio su tela, 57 x 80 cm.

Questa dinamica «Scena di mercato contadino» è opera di Pietro Domenico Ollivero, il più noto tra i pittori piemontesi di bambocciate e rappresentazioni di genere. Il «bizzarro e valente» artista nasce a Torino «di assai brutta apparenza, e di corpo malfatto e storpio» ma con temperamento «di umore lieto e gioviale» (Durando 1778, pp. 40-41). Le indagini finora condotte non hanno permesso di individuare con esattezza il suo percorso formativo giovanile; le fonti antiche indicano nel pittore e architetto Bianco il suo primo maestro (San Martino 1787, p. 5; Cifani, Monetti 1993, vol. I, p. 130). Le doti artistiche e lo spirito vivace di Ollivero favoriscono il rapido sviluppo della sua consistente produzione pittorica, che prende avvio già alla fine del Seicento e viene presto sostenuta dal convinto apprezzamento dei sovrani sabaudi, Vittorio Amedeo II e Carlo Emanuele III, e degli illustri esponenti della corte subalpina, come il marchese Carlo Vincenzo Ferrero d’Ormea (Vesme 1963-1982, III, 1968, pp. 744-749; Cifani, Monetti 2005, p. 104). Il pittore è stimato anche dagli artisti contemporanei come Claudio Francesco Beaumont, che accoglie volentieri i suoi consigli nell’esecuzione della Galleria di Enea (oggi Armeria Reale), o Massimo Teodoro Michela, Scipione Cignaroli, Pietro Francesco e Giovanni Domenico Gambone, con cui collabora a lungo animando con i suoi personaggi le loro… (Vedere catalogo 2013)

Simone Mattiello

Misure H x L x P
Altezza cm.: 57
Larghezza cm.: 80

« Indietro