Natura morta di frutta con giovane donna e due bambini

Scheda articolo: 105512
GIOVANNI PAOLO CASTELLI DETTO LO SPADINO (Roma, 1659-1730 circa) ANTONIO MERCURIO AMOROSI (Comunanza, 1660 – Roma, 1738)
Autore: GIOVANNI PAOLO CASTELLI DETTO LO SPADINO (Roma, 1
Epoca: Seicento
GIOVANNI PAOLO CASTELLI DETTO «LO SPADINO»
(Roma, 1659-1730 circa)
ANTONIO MERCURIO AMOROSI
(Comunanza, 1660 – Roma, 1738)

VENDUTO

Questa grande «Natura morta di frutta con giovane donna e due bambini» è nota da tempo come opera di Giovanni Paolo Castelli, detto «lo Spadino», l’esponente più celebre di una famiglia di artisti specializzati in nature morte, attivi a Roma nella seconda metà del XVII secolo e nei primi decenni di quello successivo (Bocchi e Bocchi 2005, I, pp. 609, 616). La critica ha inoltre individuato – per quello che riguarda le figure umane – la mano di un altro artista che collaborò con il Castelli in più occasioni, il marchigiano Antonio Mercurio Amorosi. L’Amorosi fu un pittore estremamente versatile, documentato come copista, come restauratore e come autore di pale sacre, ma deve la sua fama principalmente alle scene di genere e ai ritratti, in particolar modo quelli di bambini, caratterizzati da un estremo realismo. Esistono altre opere di collaborazione tra Antonio Amorosi e lo Spadino, ad esempio il «Bacco con cesta di frutta» di collezione privata passato in asta a… (Vedere catalogo Giamblanco 2014)

Misure H x L x P
Altezza cm.: 123
Larghezza cm.: 149

« Indietro